Ma dove vai se il Wi-Fi non ce l’hai? Hotel sempre più connessi

di Sara Marietti · nessun commento

Estate, vacanze, viaggi. Approfittiamo di questa stagione per trattare un tema che però è validissimo anche in inverno (se non di più, vedi i viaggi per lavoro).

Quando ci spostiamo – che sia per affari o per diletto -  scegliamo con cura l’hotel o il luogo in cui soggiornare e oggi uno dei servizi più richiesti è senza dubbio  la connessione a Internet Wi-Fi, della quale non possiamo più fare a meno.

Perché?  Per  primi rispondono i numeri: secondo uno studio del Boston Consulting Group nel 2016 Internet conterà tre miliardi di utenti e se fosse una Nazione sarebbe la quinta potenza del mondo.

Ma non solo. I passi da gigante in questo senso sono dovuti alla diffusione di smartphone e tablet (solo in Europa stiamo parlando di un più 67% rispetto allo scorso anno) e all’enorme crescita dei social network: Facebook (tanto per citarne uno) ha recentemente dichiarato che ben 432 milioni di utenti si connettono tramite device mobili.

E’ scontato  dunque che la connessione a Internet Wi-Fi sia diventata il servizio che più di ogni altro determina la scelta dell’hotel in cui soggiornare.

In un altro sondaggio condotto dall’autorevole portale internazionale Hotels.com i clienti intervistati hanno dichiarato che la connessione Wi-Fi (meglio se gratuita, ma anche a pagamento purché sia veloce, affidabile, ben progettata) occupa una parte importante nella scelta della location.

Per il 38% dei viaggiatori il Wi-Fi è d’obbligo, per il 35% è semplicemente il servizio che si aspettano di trovare in un hotel, mentre il 31% spera che il Wi-Fi diventerà uno standard in tutti gli hotel nel 2012.

Tripadvisor.com – il più grande sito di viaggi del mondo – rincara la dose. Secondo loro negli Stati Uniti il Wi-Fi è il servizio preferito dai viaggiatori.  Più di mille statunitensi e oltre 600 rappresentanti di hotel hanno dichiarato che il l’accesso a Internet in modalità Wi-Fi è il re dei servizi, quello che tutti desiderano trovare.

Anche in spiaggia il Wi-Fi è sempre più richiesto e i gestori degli stabilimenti balneari fanno a gara per l’ombrellone più tecnologico. D’altra parte l’estate non è estate se non si possono condividere immediatamente su Facebook le foto del pargoletto che sgambetta in riva al mare.

Che altro dire? Mai più in vacanza senza Wi-Fi.

About the Author : Sara Marietti è una giornalista esperta in p.r., social media marketing e nuove tecnologie. Lavora per dare voce a chi ha qualcosa da dire. Seguitela su Twitter.

Lascia un commento

Previous post: